Bimbo in auto : la normativa i-Size per i seggiolini auto
Leggi&norme,  Sicurezza,  Viaggi

i-Size : Seggiolini Auto, quale comprare?

i-Size, l’ultima normativa europea in tema di seggiolini auto. Come al solito ci si è accorti con un certo ritardo di questo intervento della comunità europea (è del 2013…), che ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei nostri bimbi quando viaggiano in auto. E la vecchia normativa, la ECE R44, su cui si basano i seggiolini che abbiamo in auto? Naturalmente è ancora in vigore, ed è stata semplicemente affiancata da quella nuova. Tutto chiaro, no? Forse no…cerchiamo di capire come stanno le cose.

ECE R44/04, il peso dei nostri bimbi

La normativa ECE R44/04 è la quarta revisione del regolamento europeo sulla sicurezza dei bambini in auto: essa ha reso fuori legge i seggiolini omologati secondo la R44/01 e R44/02, mentre gli omologati R44/03 possono essere ancora utilizzati e venduti. Questa norma stabilisce come deve essere fatto un sistema di trasporto e ritenzione per bambini, prendendo come punto di riferimento il peso del bambino secondo questo schema:

Seggiolini auto secondo il peso del bambino. i-Size classifica i seggiolini auto in base all'altezza

Esistono inoltre dei seggiolini modulari che coprono diverse fasce di peso come 0+/1 da 0 a 18Kg, 1/2/3 da 9 a 36Kg, 2/3 da 15 a 36Kg, questi ultimi con o senza schienale. Questi sistemi si agganciano generalmente utilizzando le cinture di sicurezza dell’auto (fanno eccezione i seggiolini creati dalle case automobilistiche per le proprie vetture). La grande pecca di questa norma è che non prende in considerazione, per l’omologazione, la protezione da impatti laterali.

I-Size, più sicurezza per i nostri bimbi

i-Size (la cui sigla è UN/ECE R129) è la nuova normativa per l’omologazione e l’utilizzo dei sistemi di ritenuta per i bambini (i seggiolini auto). Essa è costruita prendendo come riferimento per la classificazione l’altezza del piccolo invece del peso. L’intento è quello di evitare che bambini non ancora abbastanza alti ma con peso idoneo, usino dei seggiolini che non li proteggono a dovere o addirittura aumentino i rischi (le cinture di sicurezza sul collo del bambino vi suonano familiari?)

“I-Size” è suddivisa in tre fasi:

  • Fase 1: dispositivi di ritenuta per bambini dalla nascita fino ai 105cm di altezza che si agganciano con sistema Isofix e rivolti sempre in senso contrario di marcia. Si posizionano sul sedile posteriore (preferibilmente, e in posizione centrale) o anteriore previa disattivazione dell’airbag. Questi seggiolini sono omologati per la protezione da urti laterali. Il piccolo deve viaggiare in senso contrario di marcia sino all’età di 15 mesi
  • Fase 2: dispositivi destinati alla protezione dei bambini tra 100 e 150cm di altezza. Possono essere fissati con Isofix e cinture di sicurezza o con le sole cinture di sicurezza. L’installazione è sempre nel senso di marcia ed anch’essi sono omologati per la protezione da urti laterali
  • Fase 3: dispositivi per bambini dalla nascita fino a 105cm di altezza fissati con le sole cinture di sicurezza. Questa parte della normativa non è ancora stata rilasciata

Il codice della strada

Ma cosa dice la legge in Italia? Il codice della strada, all’art.172, prevede l’obbligo di utilizzo di sistemi di ritenuta adeguati per tutti i passeggeri minori di 12 anni e di altezza inferiore ai 150cm e fino a 36kg di peso .Oltre i 12 anni o 150cm di altezza, i bambini viaggiano come gli adulti, cioé con le cinture di sicurezza, ma sempre ben allacciate!. In caso di mancata osservanza di tale obbligo la multa va da 80€ a 323€, con la perdita di 5 punti patente, ed in caso di recidiva entro due anni si incorre nella sospensione della patente da 15 a 60gg; in caso non si utilizzi correttamente il dispositivo la sanzione va da 40€ a 162€. I dispositivi sono idonei quando sull’etichetta di omologazione riportino le sigle delle normative ECE R44/03, ECE R44/04 e i-Size (UN R129)

Da Luglio 2019 sarà necessario dotarsi, se si trasportano bambini sotto i 4 anni, di dispositivi antiabbandono, che trattiamo più approfonditamente in questo articolo

Ma allora devo comprare un seggiolino auto nuovo?

Partiamo da una primo assunto fondamentale: per ora (e sottolineo “per ora”) sono tranquillamente vendibili ed utilizzabili i dispositivi che riportano sull’etichetta di omologazione le diciture R44/03 e R44/04 e i-Size

Le etichette di omologazione i-Size e R44/04 per seggiolini auto
Le etichette di omologazione a confronto – Regione Lombardia, Trasporto Sicuro

L’obbligo dello schienale per i seggiolini auto destinati a bambini sotto i 125cm di altezza vale solo per i prodotti di nuovo sviluppo, quindi potete tranquillamente continuare ad utilizzare quello che già possedete se omologato secondo le norme che abbiamo già citato.

Per quanto riguarda l’Isofix, questo è obbligatorio per tutte le auto dal 2006, ma se avete un’auto senza questa tipologia di attacchi non vi preoccupate, non dovete cambiare auto.

E se il mio bimbo ha 14 mesi ma è alto 107cm deve continuare a viaggiare in senso contrario? In questo caso ci viene in aiuto la normativa i-Size stessa che essendo basata sull’altezza del bimbo, ci aiuta a capire se è necessario o meno cambiare il seggiolino prima dei 15 mesi.

E’ fondamentale utilizzare i dispositivi sempre correttamente, seguendo le indicazioni del costruttore. Utilizzare i dispositivi di sicurezza nel modo sbagliato potrebbe essere davvero molto rischioso!

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookies preferences, statistics, marketing

Un’ultima cosa. Il video qui sopra mostra come il seggiolino migliore e più avanzato del mondo non può proteggere adeguatamente i vostri piccoli se non correttamente installato ed utilizzato dai noi genitori. A questo proposito vorrei ricordarvi come il 37% degli incidenti mortali per bimbi da 0 a 14 anni è direttamente riconducibile agli incidenti stradali. L’utilizzo di dispositivi di ritenuta correttamente allacciati e installati riduce della metà il rischio di morte e sensibilmente il rischio di gravi traumi. Siamo noi i custodi e responsabili della salute e della vita dei nostri piccoli, sempre. Anche in auto!

Link Utili

Foto di copertina di Sharon McCutcheon su Unsplash